FINALMENTE...

Mi scusi pel ritardo C - Rime e Poesie



FINALMENTE...




Mi scusi pel ritardo Carlo Porta


(Tu, Torades, perdonami il "cappello"),


ritardo che anche adesso mi sconforta.


Non trovo, infatti più, nel gran macello,

nell' "ordine" che tanto mi supporta,


il libro Suo, che acquistai giovincello.


Ricorro, dunque, ad un'antologia,


con riserva di fare pulizia.






C A R L O P O R T A



EPITAFFI PER ON CAN D'UNA SCIORA MARCHESA




Chì gh'è on can, che l'è mort negàa in la grassa


a furia de paccià di bon boccon.


Pverìtt, che passée, regnìv de bon,


che de sto màa no,vée mai più su l'assa.


- Qui giace un cane che è morto affogato nel grasso, a furia di mangiare dei buoni bocconi.
Poveracci che passate, statevi buoni, perché di questo male voi non andrete masi sull'asse (mortuario) -



P. S. Non oserò giammai, Maestro Carlo,


cimentarmi in dialetto milanese.


Sarebbe pretenzioso e assai scortese


verso Milano e Voi: meglio non farlo.


Tra l'altro sono già preoccupato,


ch' er Belli me mannò a mmori ammazzato!


 



CONNESSI

Tutela della privacy |
© 2008-2015 risata.