ROMANO DE SECONDA MANO ..Dici che de Roma io nun - Rime e Poesie



ROMANO DE SECONDA MANO
..Dici che de Roma io nun parlo er dialetto ?
Te stai a sbajà, caro cuginetto !
Io de sta città so l'orgojo e er vanto,
ascolta l'Aquila che ar cielo libera il suo canto:
Te dice che so nato ner '900
Quanno er Tevere era un fiume de vento,
che scorreva a tempo lento
e te riempiva er core de sentimento.
e sei nato dopo?.. da 'na strana mescolanza,
e Roma n'avrebbe fatto volentieri senza !
Ce so volute sette squadre de quartiere
E poi tutti in processione a cantà er Miserere !
Adesso voi nasconne l'origini tue
E me dichi cornuto come l'Asino ar Bue
Te sei stanato mille volte a Giugno
Quanno all'urbe j'hai rotto er grugno.
Dichi che sei Romano de 7 generazzioni
Poi t'ho visto sciamà insieme a vandali e zozzoni,
cor Presidente che in dialetto Marchiciano
faceva er controcanto ar Giullare Molisano.
Scennete da li tetti ! Er Nano ve implorava?
mentre la Bura cor costume v'arrapava,
cò le zinne a 'ppera e le cosce lisce lisce
Scennete?o lo spettacolo nun proseguisce !
Avete fatto scompari' Roma cò na botta
Ar posto dell'Eterna me pareva Forigrotta,
nastri, fettuccine, pajacci e mortaretti,
gente sui monumenti e sull'antichi tetti !
Ar posto de Pasquino, Anima Bella
Sortiva fora er nasone de Purcinella,
Tu sei Romano de Seconda Mano
Parli coatto?.. ma sei Napoletano !

 



CONNESSI

Tutela della privacy |
© 2008-2015 risata.